Oggi   tutto   sembra   impostato   a   non   abbandonarsi   totalmente   a   Dio,   come   se   l’uomo   debba   fare   riferimento   soltanto   alla sua   logica   umana.   Eppure   Dio   si   diverte   alle   nostre   spalle   mettendoci   in   difficoltà.   Ha   dato   la   sua   legge   in   luoghi   che nessuno   s’aspettava   e   ha   fatto   nascere   profeti   da   madri   sterili.   Giovanni   Battista   viveva   di   stenti   nel   deserto,   era   un uomo   imperioso,   ammoniva   e   giudicava,   trattava   i   peccatori   con   veemenza.   Parlava   del   Messia   come   di   uno   più   grande di   lui   al   quale   non   era   degno   di   legare   i   sandali   e   il   popolo   ebraico   pensava   che   poteva   essere   ancora   più   duro   di Giovanni.   Quando   arriva   il   Salvatore   non   ha   nessuna   delle   sue   qualità,   parlava   con   dolcezza,   mitezza,   affabilità, perdonava,   stava   a   tavola   con   i   peccatori,   i   mangioni   e   i   beoni.   Questo   ha   mandato   in   crisi   e   confuso   Giovanni   Battista tant’è   vero   che   i   suoi   discepoli   sono   accorsi   a   chiedere   a   Gesù   se   era   veramente   il   Messia.   Da   una   parte   faticava   a credere   che   poteva   comportarsi   in   maniera   contraria   alla   sua   e   dall’altra   credeva   alle   sue   opere   quando   sentiva   che ridava   la   vista   ai   ciechi,   guariva   i   malati   e   risuscitava   i   morti.   Quello   che   è   successo   a   Giovanni   Battista   è   affascinante   e coinvolgente:   quante   volte   non   avrà   dormito   pensando   a   Gesù?   “Lasciate   che   i   morti   seppelliscano   i   morti”,    andava contro   la   legge   ebraica   quando   lui   era   perfetto   nel   seguirla.   Era   uno   il   contrario   dell’altro.   Gesù   ha   anticipato   tempi,   era già   nel   Nuovo   Testamento   mentre   Giovanni   era   ancora   nel   Vecchio.   Poi   a   un   certo   punto   ha   capito   com’era   la   storia, tant’è   vero   che   nel   Giordano   voleva   farsi   battezzare   da   Gesù.   Gli   avrà   anche   detto   sorridendo:   “Che   scherzo   mi   fai? Potevi    dirmelo    anche    prima…”.     Dobbiamo    fuoriuscire    dagli    schemi    mentali    e    dai    rituali    che    ci    hanno imprigionato,    e   andare   dove   c’è   il   male   come   Gesù   che   frequentava   i   peccatori.   Dobbiamo   combattere   la   nostra battaglia   in   un   mondo   di   mostri   come   mai   è   accaduto   nella   storia   dell’uomo,   dove   anche   la   natura   si   sta   ribellando. Giovanni   Battista   veniva   da   una   cultura   ebraica   diversa,   non   sapeva   la   verità,   mentre   oggi   abbiamo   un   livello   superiore di   conoscenza   e   di   emancipazione.   Sappiamo   che   Gesù   è   resuscitato.   Potremmo   davvero   fare   un   salto   di   qualità   se apriamo   il   nostro   cuore   alla   parola   di   Dio.   È   quella   che   compie   il   miracolo   non   noi.   Gesù   non   ha   detto   che   era   figlio   di Dio,   non   si   vantava   della   sua   autorità,   non   lo   ha   detto   a   Pilato   e   nemmeno   in   tempi   non   sospetti   perché   anche   il   diavolo nel   deserto   non   era   sicuro   chi   fosse.   Così   ha   fatto   la   Madonna   per   umiltà.   Noi   invece   andiamo   dire   quello   che   non   siamo. Non   dobbiamo   comportarci   come   giustizieri   ma   parlare   il   linguaggio   del   maestro.   Quando   in   una   famiglia   c’è   la   pecora nera,   sua   madre   lo   difende   dicendo   che   ha   anche   delle   qualità.   Gesù   è   venuto   a   fare   il   ruolo   di   quella   madre   perché   non tutti   i   figli   che   si   comportano   male   sono   da   condannare.   Era   così   diverso   da   Giovanni   Battista   perché   sa   che   davanti   a Dio   siamo   tutti   la   pecora   nera.   Tanti   sono   caduti   perché   erano   troppo   buoni   e   si   sono   fidati   delle   persone   sbagliate.   Il Signore   ci   dice   di   non   criticare   e   non   giudicare   perché   non   abbiamo   il   potere   mentale   per   farlo.   Però   è   determinato   con quelli   che   lo   vogliono   seguire,   ci   dice   di   lasciare   tutto   ma   non   ci   obbliga   a   farlo.   Mentre   uno   che   viene   obbligato   non persevera fino alla fine.  DIO PROVA L’UOMO Perché   vogliamo   continuamente   promuovere   nuovi   cambiamenti?   È   come   se   criticassimo   Dio,   vogliamo   giustificare   tutto e   andiamo   contro   i   comandamenti.   Non   era   logico   che   Abramo   doveva   sacrificare   il   figlio   avuto   da   Sara   che   era   sterile. Come   avremmo   reagito   davanti   alla   prova   di   Abramo?   Dobbiamo   incamminarci   verso   la   luce   senza   batter   ciglio   e   senza lamentarci.   Senza   l’aiuto   di   Dio   non   avremmo   potuto   nemmeno   mettere   insieme   le   parole   e   aver   dato   il   nome   ad   ogni cosa,   gli   accenti,   la   punteggiatura.   Ha   pensato   a   tutto   per   noi,   perché   non   abbiamo   voluto   fare   quello   che   ci   ha   rivelato? Tutto   dobbiamo   lasciare   su   questa   terra   eppure   per   arricchirci   litighiamo   con   il   nostro   fratello.   Siamo   più   attratti   da quello   che   dobbiamo   lasciare   qui   che   dalla   parola   del   Signore.   Abbiamo   anche   l’avidità   spirituale,   quella   che   dissente   dai comportamenti   dei   nostri   fratelli,   che   ci   fa   giudicare   e   non   concede   libertà   nemmeno   ai   familiari   che   vivono   in   modo diverso   dal   nostro.   Non   a   caso   il   Signore   non   ha   scelto   quelli   che   avevano   queste   caratteristiche,   nessuno   di   coloro   che frequentavano   il   tempio,   pagavano   le   decime   e   digiunavano.   Ha   guardato   al   pubblicano,   a   Zaccheo,   mentre   i   farisei sapevano   nascondere   bene   le   proprie   magagne.   Anche   oggi   piuttosto   di   cambiare   vita   siamo   pronti   a   fare   digiuni,   pagare le   decime   e   fare   gesti   di   volontariato,   il   nostro   modo   di   ragionare   davanti   a   un   fatto   di   cronaca   propende   sempre   verso   la condanna,   la   polemica,   l’accusa.   Perdoniamo   o   denunciamo?   Il   nostro   cuore   si   è   indurito,   ecco   perché   manca   la grazia   del   Signore   in   mezzo   a   noi.    A   cosa   serve   mettere   delle   intenzioni   davanti   alla   Madonna?   Dov’è   la   coerenza cristiana?   Quando   veniamo   offesi   o   toccati   nei   nostri   diritti   siamo   più   propensi   all’apostasia   che   a   comportarci   come   Gesù ci ha insegnato. Se avessimo seguito la via migliore non avremmo tutte le nostre paure e insicurezze.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Lo sconvolgimento di Giovanni Battista
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Oggi   tutto   sembra   impostato   a   non   abbandonarsi totalmente   a   Dio,   come   se   l’uomo   debba   fare riferimento    soltanto    alla    sua    logica    umana. Eppure     Dio     si     diverte     alle     nostre     spalle mettendoci   in   difficoltà.   Ha   dato   la   sua   legge   in luoghi    che    nessuno    s’aspettava    e    ha    fatto nascere   profeti   da   madri   sterili.   Giovanni   Battista viveva    di    stenti    nel    deserto,    era    un    uomo imperioso,    ammoniva    e    giudicava,    trattava    i peccatori    con    veemenza.    Parlava    del    Messia come   di   uno   più   grande   di   lui   al   quale   non   era degno    di    legare    i    sandali    e    il    popolo    ebraico pensava   che   poteva   essere   ancora   più   duro   di Giovanni.    Quando    arriva    il    Salvatore    non    ha nessuna   delle   sue   qualità,   parlava   con   dolcezza, mitezza,   affabilità,   perdonava,   stava   a   tavola   con i    peccatori,    i    mangioni    e    i    beoni.    Questo    ha mandato    in    crisi    e    confuso    Giovanni    Battista tant’è   vero   che   i   suoi   discepoli   sono   accorsi   a chiedere   a   Gesù   se   era   veramente   il   Messia.   Da una     parte     faticava     a     credere     che     poteva comportarsi    in    maniera    contraria    alla    sua    e dall’altra   credeva   alle   sue   opere   quando   sentiva che   ridava   la   vista   ai   ciechi,   guariva   i   malati   e risuscitava    i    morti.    Quello    che    è    successo    a Giovanni   Battista   è   affascinante   e   coinvolgente: quante   volte   non   avrà   dormito   pensando   a   Gesù? “Lasciate    che    i    morti    seppelliscano    i    morti”,   andava   contro   la   legge   ebraica   quando   lui   era perfetto     nel     seguirla.     Era     uno     il     contrario dell’altro.   Gesù   ha   anticipato   tempi,   era   già   nel Nuovo   Testamento   mentre   Giovanni   era   ancora nel    Vecchio.    Poi    a    un    certo    punto    ha    capito com’era   la   storia,   tant’è   vero   che   nel   Giordano voleva   farsi   battezzare   da   Gesù.   Gli   avrà   anche detto    sorridendo:    “Che    scherzo    mi    fai?    Potevi dirmelo   anche   prima…”.    Dobbiamo   fuoriuscire dagli    schemi    mentali    e    dai    rituali    che    ci hanno   imprigionato,    e   andare   dove   c’è   il   male come     Gesù     che     frequentava     i     peccatori. Dobbiamo   combattere   la   nostra   battaglia   in   un mondo    di    mostri    come    mai    è    accaduto    nella storia    dell’uomo,    dove    anche    la    natura    si    sta ribellando.    Giovanni    Battista    veniva    da    una cultura    ebraica    diversa,    non    sapeva    la    verità, mentre    oggi    abbiamo    un    livello    superiore    di conoscenza   e   di   emancipazione.   Sappiamo   che Gesù   è   resuscitato.   Potremmo   davvero   fare   un salto   di   qualità   se   apriamo   il   nostro   cuore   alla parola   di   Dio.   È   quella   che   compie   il   miracolo   non noi.   Gesù   non   ha   detto   che   era   figlio   di   Dio,   non si   vantava   della   sua   autorità,   non   lo   ha   detto   a Pilato   e   nemmeno   in   tempi   non   sospetti   perché anche   il   diavolo   nel   deserto   non   era   sicuro   chi fosse.   Così   ha   fatto   la   Madonna   per   umiltà.   Noi invece   andiamo   dire   quello   che   non   siamo.   Non dobbiamo     comportarci     come     giustizieri     ma parlare   il   linguaggio   del   maestro.   Quando   in   una famiglia   c’è   la   pecora   nera,   sua   madre   lo   difende dicendo    che    ha    anche    delle    qualità.    Gesù    è venuto   a   fare   il   ruolo   di   quella   madre   perché   non tutti    i    figli    che    si    comportano    male    sono    da condannare.     Era     così     diverso     da     Giovanni Battista   perché   sa   che   davanti   a   Dio   siamo   tutti la   pecora   nera.   Tanti   sono   caduti   perché   erano troppo    buoni    e    si    sono    fidati    delle    persone sbagliate.   Il   Signore   ci   dice   di   non   criticare   e   non giudicare   perché   non   abbiamo   il   potere   mentale per   farlo.   Però   è   determinato   con   quelli   che   lo vogliono   seguire,   ci   dice   di   lasciare   tutto   ma   non ci   obbliga   a   farlo.   Mentre   uno   che   viene   obbligato non persevera fino alla fine.  DIO PROVA L’UOMO Perché     vogliamo     continuamente     promuovere nuovi   cambiamenti?   È   come   se   criticassimo   Dio, vogliamo   giustificare   tutto   e   andiamo   contro   i comandamenti.    Non    era    logico    che    Abramo doveva   sacrificare   il   figlio   avuto   da   Sara   che   era sterile.   Come   avremmo   reagito   davanti   alla   prova di   Abramo?   Dobbiamo   incamminarci   verso   la   luce senza    batter    ciglio    e    senza    lamentarci.    Senza l’aiuto    di    Dio    non    avremmo    potuto    nemmeno mettere   insieme   le   parole   e   aver   dato   il   nome   ad ogni    cosa,    gli    accenti,    la    punteggiatura.    Ha pensato   a   tutto   per   noi,   perché   non   abbiamo voluto    fare    quello    che    ci    ha    rivelato?    Tutto dobbiamo   lasciare   su   questa   terra   eppure   per arricchirci   litighiamo   con   il   nostro   fratello.   Siamo più   attratti   da   quello   che   dobbiamo   lasciare   qui che    dalla    parola    del    Signore.    Abbiamo    anche l’avidità     spirituale,     quella     che     dissente     dai comportamenti    dei    nostri    fratelli,    che    ci    fa giudicare    e    non    concede    libertà    nemmeno    ai familiari   che   vivono   in   modo   diverso   dal   nostro. Non   a   caso   il   Signore   non   ha   scelto   quelli   che avevano   queste   caratteristiche,   nessuno   di   coloro che   frequentavano   il   tempio,   pagavano   le   decime e    digiunavano.    Ha    guardato    al    pubblicano,    a Zaccheo,   mentre   i   farisei   sapevano   nascondere bene   le   proprie   magagne.   Anche   oggi   piuttosto   di cambiare   vita   siamo   pronti   a   fare   digiuni,   pagare le   decime   e   fare   gesti   di   volontariato,   il   nostro modo   di   ragionare   davanti   a   un   fatto   di   cronaca propende     sempre     verso     la     condanna,     la polemica,   l’accusa.   Perdoniamo   o   denunciamo?   Il nostro    cuore    si    è    indurito,    ecco    perché manca   la   grazia   del   Signore   in   mezzo   a   noi.   A   cosa   serve   mettere   delle   intenzioni   davanti   alla Madonna?   Dov’è   la   coerenza   cristiana?   Quando veniamo   offesi   o   toccati   nei   nostri   diritti   siamo più    propensi    all’apostasia    che    a    comportarci come   Gesù   ci   ha   insegnato.   Se   avessimo   seguito la    via    migliore    non    avremmo    tutte    le    nostre paure e insicurezze.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       Lo sconvolgimento di Giovanni Battista
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono