Quando   siamo   appesantiti   dalle   prove   della   vita   e   non   ci   lamentiamo,   possiamo   chiedere   al   Signore   di   aggiungerci   ancora qualche   peso   per   dare   sollievo   a   quelle   persone   che   sono   più   in   pericolo   di   noi.   Specialmente   tra   i   nostri   cari.   Saremo orgogliosi   di   noi   stessi,   non   superbi,   perché   sentiremo   una   gioia   particolare   come   se   qualcuno   avesse   usufruito   del nostro   gesto.   Quando   portiamo   il   peso   degli   altri   il   Signore   ci   fa   stare   ancora   meglio.    Cerchiamo   di   non   farci   mai provocare   dal   primo   che   incontriamo,   dai   parenti   o   dai   colleghi,   ma   di   aver   fiducia   solo   di   noi   stessi,   cioè   di   abbandonarci totalmente   a   Dio   e   alla   sua   parola.   Così   avvengono   le   guarigioni   e   i   miracoli.   Quattro   sono   i   personaggi   che   hanno portato   alla   nascita   di   Gesù:   l’angelo   del   Signore,   lo   Spirito   Santo   che   concretamente   ha   concepito   (è   anche   azione,   non solo    suggerimento),    Maria    e    Giuseppe    che    hanno    risposto    sì    all’Annunciazione.    San    Giuseppe     non    è    mai    stato considerato   nella   giusta   misura   e   nelle   devozioni   popolari   non   esiste,   eppure   non   è   inferiore   come   grazia   alla   sua sposa.    Sballottato   come   un   clandestino   senza   fissa   dimora,   declassato   e   rifiutato,   sembra   che   sia   stato   un   fortunato. Invece   è   la   grazia   di   Dio   che   mette   nel   cuore   ai   suoi   servi.   Mai   si   sarebbe   immaginato   di   far   parte   di   un   progetto   unico nella   storia   per   la   salvezza   dell’umanità.   Davanti   alla   legge   ebraica   avrebbe   dovuto   ripudiare   la   sua   promessa   sposa,   ma l’angelo   lo   ha   avvisato.   Da   lì   sono   cominciate   le   sue   tribolazioni.   Subito   ha   dovuto   abbandonare   la   sua   bottega   di artigiano   e   fuggire   in   Egitto.   Come   avremmo   reagito   al   suo   posto?   Cosa   avremmo   rinunciato   per   obbedienza   a   Dio?   Ha obbedito   alla   parola   del   Signore   con   gioia   e   senza   lamentarsi,   così   hanno   fatto   Abramo,   Mosè,   Geremia,   Giobbe   e   tutti   i santi.   Ha   cercato   di   fare   il   meglio   anche   nelle   situazioni   più   terribili.   Il   Signore   ci   sceglie   quando   rimaniamo   fedeli   nella prova   e   nella   tribolazione,   ci   chiede   delle   cose   impossibili,   giustamente   criticabili,   a   nessuno   ha   promesso   la   gioia   in terra.   Dimentichiamoci   di   esistere   ed   esistiamo   per   gli   altri.   Con   il   Signore   non   ci   sono   altre   misure:   l ’arma   della vittoria   è   accettare   la   sconfitta   del   carattere,   dell’umiliazione.    Il   male   si   sconfigge   con   la   sottomissione   quando pensiamo   di   essere   offesi,   annichiliti,   pugnalati,   perché   in   quel   momento   agisce   Maria   Santissima.   Invece   se   vogliamo difendere   la   nostra   natura   umana   facciamo   il   gioco   di   Satana.      Perché   abbiamo   così   paura   di   Dio   e   non   ci   fidiamo   di   lui? La   Chiesa   ci   dà   delle   regole   per   affrontare   ogni   prova   della   vita,   ma   non   siamo   migliorati.   Chi   reagisce   si   difende, rinfaccia,   denuncia,   ha   un   senso   di   colpa   e   di   sofferenza   interiore.   Mai   confidare   gli   errori   degli   altri   con   il   presupposto   di difendere   la   verità.   Superiamo   la   prova   quando   amiamo   i   peggiori   nemici   e   rinunciamo   alle   nostre   aspettative   a vantaggio   degli   altri.   Chi   ama   incondizionatamente   è   felice   perché   ha   Dio   nel   cuore.   Non   dobbiamo   stare   male   quando riceviamo un’ingiustizia altrimenti significa che il nostro cuore è già malato e vuole vendicarsi. LA CURIOSITÀ DEI VANGELI APOCRIFI Aggiungere   al   Vangelo   qualche   passaggio   per   il   tempo   che   viviamo   non   va   bene   perché   fa   dimenticare   le   verità principali.   È   questo   l’errore   di   tutti   i   popoli,   non   consideravano   l’esortazione   ascolta   Israele ”.   Il   Signore   e   la   Madonna non   vogliono   che   si   dia   credibilità   ai   segni   perché   portano   fuori   di   equilibrio   le   persone.   Anche   i   Vangeli   apocrifi   sono   veri perché   scritti   dagli   apostoli,   ma   servono   di   più   per   appagare   la   curiosità.   Hanno   cominciato   a   scrivere   di   Gesù   solo dopo   la   sua   morte   e   risurrezione,    come   si   può   raccontare   la   notte   di   Betlemme   senza   averla   vista?   Certe   cose   sono impossibili   da   descrivere.   Quanto   gli   evangelisti   hanno   dovuto   lavorare   con   la   mente   per   ricostruire   tutti   gli   avvenimenti, quante   notti   non   avranno   dormito!   Dobbiamo   essere   coinvolti   col   cuore   da   questi   fatti   perché   ci   hanno   portato   la salvezza.   La   Chiesa   ha   voluto   che   la   parola   di   Dio   fosse   messa   al   primo   posto,   l’unica   verità   che   salva   e   rafforza,   non   ha voluto   soddisfare   la   curiosità   perché   ciò   indebolisce.   Tanti   mistici   e   veggenti   hanno   messo   in   rilievo   frasi   e   passaggi coinvolgenti   dei   Vangeli   apocrifi,   ma   qui   si   vede   la   scaltrezza   del   diavolo.   Il   Signore   non   viene   ad   annunciare   quello   che ha   già   annunciato,   è   il   Vangelo   della   parola   di   Dio   che   è   fondamentale   per   la   nostra   crescita   e   la   nostra   fede.   Gesù   ha vissuto   i   suoi   primi   trent’anni   da   uomo   semplice   con   la   sua   natura   umana.   Poi   si   è   sorpreso   quando   avvenivano   i miracoli   perché   non   si   è   mai   comportato   da   figlio   di   Dio.   Non   possiamo   escludere   che   si   sia   chiesto   come   doveva   fare   il Messia   e   avrà   pregato   il   Padre   che   lo   illuminasse.   Tutto   doveva   venire.   Gesù   non   ha   recitato   una   parte,   ha   provato   i nostri   sentimenti.   Perché   diamo   tutto   così   per   scontato?   Mai   ha   chiamato   un’assemblea   per   vedere   i   suoi   miracoli,   ma quanti   carismatici   lo   fanno?   Quando   è   sceso   nel   Giordano   non   si   è   sentito   privilegiato,   ha   dimostrato   al   Padre   di accettare   tutta   la   sua   natura   umana.   Cerchiamo   anche   noi   di   immergerci   nella   natura   umana   di   Gesù   e   non   in   quella spirituale.   Non   fidiamoci   sempre   di   quello   che   ci   vendono   a   basso   prezzo   sul   mercato,   siamo   miti   come   agnelli   e   lontano dai lupi,  i nostri confidenti uno su mille.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’esempio di san Giuseppe
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quando   siamo   appesantiti   dalle   prove   della   vita   e non   ci   lamentiamo,   possiamo   chiedere   al   Signore di    aggiungerci    ancora    qualche    peso    per    dare sollievo   a   quelle   persone   che   sono   più   in   pericolo di   noi.   Specialmente   tra   i   nostri   cari.   Saremo orgogliosi    di    noi    stessi,    non    superbi,    perché sentiremo     una     gioia     particolare     come     se qualcuno    avesse    usufruito    del    nostro    gesto. Quando     portiamo     il     peso     degli     altri     il Signore   ci   fa   stare   ancora   meglio.    Cerchiamo di    non    farci    mai    provocare    dal    primo    che incontriamo,   dai   parenti   o   dai   colleghi,   ma   di aver     fiducia     solo     di     noi     stessi,     cioè     di abbandonarci   totalmente   a   Dio   e   alla   sua   parola. Così   avvengono   le   guarigioni   e   i   miracoli.   Quattro sono   i   personaggi   che   hanno   portato   alla   nascita di   Gesù:   l’angelo   del   Signore,   lo   Spirito   Santo che     concretamente     ha     concepito     (è     anche azione,     non     solo     suggerimento),     Maria     e Giuseppe         che         hanno         risposto         all’Annunciazione.    San    Giuseppe     non    è    mai stato    considerato    nella    giusta    misura    e    nelle devozioni    popolari    non    esiste,    eppure    non    è inferiore     come     grazia     alla     sua     sposa.   Sballottato    come    un    clandestino    senza    fissa dimora,   declassato   e   rifiutato,   sembra   che   sia stato   un   fortunato.   Invece   è   la   grazia   di   Dio   che mette   nel   cuore   ai   suoi   servi.   Mai   si   sarebbe immaginato    di    far    parte    di    un    progetto    unico nella   storia   per   la   salvezza   dell’umanità.   Davanti alla   legge   ebraica   avrebbe   dovuto   ripudiare   la sua   promessa   sposa,   ma   l’angelo   lo   ha   avvisato. Da   lì   sono   cominciate   le   sue   tribolazioni.   Subito ha     dovuto     abbandonare     la     sua     bottega     di artigiano    e    fuggire    in    Egitto.    Come    avremmo reagito   al   suo   posto?   Cosa   avremmo   rinunciato per   obbedienza   a   Dio?   Ha   obbedito   alla   parola del   Signore   con   gioia   e   senza   lamentarsi,   così hanno   fatto   Abramo,   Mosè,   Geremia,   Giobbe   e tutti   i   santi.   Ha   cercato   di   fare   il   meglio   anche nelle   situazioni   più   terribili.   Il   Signore   ci   sceglie quando    rimaniamo    fedeli    nella    prova    e    nella tribolazione,    ci    chiede    delle    cose    impossibili, giustamente   criticabili,   a   nessuno   ha   promesso   la gioia    in    terra.    Dimentichiamoci    di    esistere    ed esistiamo   per   gli   altri.   Con   il   Signore   non   ci   sono altre   misure:   l ’arma   della   vittoria   è   accettare la   sconfitta   del   carattere,   dell’umiliazione.    Il male   si   sconfigge   con   la   sottomissione   quando pensiamo   di   essere   offesi,   annichiliti,   pugnalati, perché      in      quel      momento      agisce      Maria Santissima.    Invece    se    vogliamo    difendere    la nostra   natura   umana   facciamo   il   gioco   di   Satana.     Perché    abbiamo    così    paura    di    Dio    e    non    ci fidiamo   di   lui?   La   Chiesa   ci   dà   delle   regole   per affrontare   ogni   prova   della   vita,   ma   non   siamo migliorati.    Chi    reagisce    si    difende,    rinfaccia, denuncia,   ha   un   senso   di   colpa   e   di   sofferenza interiore.   Mai   confidare   gli   errori   degli   altri   con   il presupposto   di   difendere   la   verità.   Superiamo   la prova    quando    amiamo    i    peggiori    nemici    e rinunciamo   alle   nostre   aspettative   a   vantaggio degli   altri.   Chi   ama   incondizionatamente   è   felice perché   ha   Dio   nel   cuore.   Non   dobbiamo   stare male   quando   riceviamo   un’ingiustizia   altrimenti significa   che   il   nostro   cuore   è   già   malato   e   vuole vendicarsi. LA CURIOSITÀ DEI VANGELI APOCRIFI Aggiungere   al   Vangelo   qualche   passaggio   per   il tempo    che    viviamo    non    va    bene    perché    fa dimenticare   le   verità   principali.   È   questo   l’errore di   tutti   i   popoli,   non   consideravano   l’esortazione ascolta   Israele ”.   Il   Signore   e   la   Madonna   non vogliono    che    si    dia    credibilità    ai    segni    perché portano   fuori   di   equilibrio   le   persone.   Anche   i Vangeli    apocrifi    sono    veri    perché    scritti    dagli apostoli,    ma    servono    di    più    per    appagare    la curiosità.    Hanno    cominciato    a    scrivere    di Gesù   solo   dopo   la   sua   morte   e   risurrezione,   come   si   può   raccontare   la   notte   di   Betlemme senza   averla   vista?   Certe   cose   sono   impossibili da    descrivere.    Quanto    gli    evangelisti    hanno dovuto   lavorare   con   la   mente   per   ricostruire   tutti gli     avvenimenti,     quante     notti     non     avranno dormito!   Dobbiamo   essere   coinvolti   col   cuore   da questi   fatti   perché   ci   hanno   portato   la   salvezza. La   Chiesa   ha   voluto   che   la   parola   di   Dio   fosse messa   al   primo   posto,   l’unica   verità   che   salva   e rafforza,    non    ha    voluto    soddisfare    la    curiosità perché   ciò   indebolisce.   Tanti   mistici   e   veggenti hanno     messo     in     rilievo     frasi     e     passaggi coinvolgenti   dei   Vangeli   apocrifi,   ma   qui   si   vede la   scaltrezza   del   diavolo.   Il   Signore   non   viene   ad annunciare    quello    che    ha    già    annunciato,    è    il Vangelo   della   parola   di   Dio   che   è   fondamentale per   la   nostra   crescita   e   la   nostra   fede.   Gesù   ha vissuto    i    suoi    primi    trent’anni    da    uomo semplice   con   la   sua   natura   umana.   Poi   si   è sorpreso    quando    avvenivano    i    miracoli    perché non   si   è   mai   comportato   da   figlio   di   Dio.   Non possiamo    escludere    che    si    sia    chiesto    come doveva   fare   il   Messia   e   avrà   pregato   il   Padre   che lo   illuminasse.   Tutto   doveva   venire.   Gesù   non   ha recitato   una   parte,   ha   provato   i   nostri   sentimenti. Perché   diamo   tutto   così   per   scontato?   Mai   ha chiamato     un’assemblea     per     vedere     i     suoi miracoli,   ma   quanti   carismatici   lo   fanno?   Quando è   sceso   nel   Giordano   non   si   è   sentito   privilegiato, ha   dimostrato   al   Padre   di   accettare   tutta   la   sua natura      umana.      Cerchiamo      anche      noi      di immergerci   nella   natura   umana   di   Gesù   e   non   in quella   spirituale.   Non   fidiamoci   sempre   di   quello che    ci    vendono    a    basso    prezzo    sul    mercato, siamo    miti    come    agnelli    e    lontano    dai    lupi,     i nostri confidenti uno su mille.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       L’esempio di san Giuseppe
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono