La   Chiesa   non   è   un   porto   di   mare   dove   ognuno   deve   dire   la   sua,   non   è   una   fiera   di   beneficenza   e   nemmeno   una spelonca   di   ladri.   Cosa   rappresenta   per   noi?   La   Chiesa   è   la   conoscenza   e   la   rivelazione,   attraverso   i   profeti,   della   parola di   Dio,   è   il   centro   di   diffusione   della   verità   rivelata.   Facciamo   un   esame   di   coscienza,   dopo   tanti   anni   che   la frequentiamo   cosa   abbiamo   imparato?   Non   ci   rimane   in   mente   niente   perché   non   ci   interessa,   davanti   alla   prova emerge   sempre   l’uomo   vecchio.   I   giganti   della   fede   sono   stati   provati   duramente   al   punto   che   avrebbero   preferito   non nascere,   mentre   noi,   che   siamo   nella   comodità   più   sfrenata,   ci   lamentiamo.   Quale   premio   pensiamo   di   ricevere? Dobbiamo   sacrificare   il   nostro   orgoglio   e   il   nostro   carattere   per   ottenere   la   vita   eterna,   una   gioia   immensa   e   infinita   che possiamo   pregustare   già   su   questa   terra   se   accettiamo   le   ingiustizie.   Nessuno   può   in   questa   vita   appagare   pienamente   i suoi   desideri   (san   Tommaso)   solo   Dio   può   saziare   il   cuore   dell’uomo,   che   è   senza   pace   fin   quando   non   riposa   in   Lui (sant’Agostino).   Mettiamo   in   pratica   la   parola   dei   profeti?   Chi   ha   saputo   veramente   mettere   al   primo   posto   le   verità principali   e   i   comandamenti?   Quest’epoca   ci   deve   preoccupare   perché   è   basata   tutta   sul   materialismo   e   sul   relativismo che   non   hanno   nessuna   valenza   davanti   a   Dio.   Dopo   tanto   tempo   che   andiamo   in   chiesa   dove   pensiamo   di   essere migliorati   davanti   ai   vizi   capitali,   alle   virtù   cardinali   e   alle   beatitudini   evangeliche?   Quando   facciamo   le   cose   di   malavoglia (l’accidia),   per   gli   altri   sarebbe   meglio   prendere   uno   schiaffo.   Dov’è   l’amore?   S opportare   pazientemente   le   persone moleste   e   perdonare   le   offese   sono   le   rivelazioni   indelebili   che   dobbiamo   realizzare   e   metabolizzare.   È   questo   che   il Signore   ha   affidato   ai   suoi   profeti,   facciamone   tesoro.   A   volte   andiamo   a   rivelare   esperienze   superiori   alle   nostre capacità,   ma   questa   è   vanità.   L’uomo   ha   imparato   ciò   che   non   deve   fare,   cioè   a   basarsi   sulle   proprie   idee,   mentre   quello che   è   scritto   sui   libri   sacri   non   l’ha   messo   in   pratica.   Cosa   diciamo   e   cosa   ricordiamo   della   Bibbia?   Le   nostre   parole   sono state   di   aiuto   ai   nostri   cari   e   gradite   a   Dio?   Dobbiamo   andare   in   estasi   quando   un   amico   ci   tradisce,   cioè   quando   siamo davanti   alla   prova,   non   quando   andiamo   a   certe   funzioni.   Siamo   pronti   ad   accettare   la   peggiore   delle   situazioni?   È   allora che   il   Signore   entra   nella   nostra   vita,   con   la   sua   misericordia   e   la   sua   grazia,   rafforza   in   noi   il   coraggio   e   la   dignità.   Il nostro   giorno   fortunato   è   quando   sappiamo   metabolizzare   un’offesa.   Il   malessere   interiore   che   ci   fa   criticare   non   è la nostra integrità spirituale, con un briciolo di bontà vedremmo tutto con occhio diverso. SIAMO NOI CHE SANTIFICHIAMO LA CHIESA Perché    Dio    è    entrato    nella    tenda    di    Abramo    e    ha    dato    la    sua    legge    in    un    ambiente    familiare?    Dove    ha    avuto l’Annunciazione   Maria   di   Nazareth?   Non   nel   tempio   tra   i   sacerdoti   davanti   all’Arca   dell’alleanza   e   nemmeno   in   mezzo   a mistificatori   o   a   una   moltitudine   di   persone,   ma   in   una   semplice   casa.   Da   lì   è   partita   la   nuova   cristianità.   E   se   la   nostra Chiesa   fosse   in   una   casa   familiare?   Siamo   noi   che   santifichiamo   la   Chiesa   o   è   la   Chiesa   che   santifica   noi?   Che esempio   dà   l’uomo   ai   propri   figli?   Il   Signore   si   è   rivelato   a   Mosè   nel   deserto,   non   nel   tempio   tra   i   candelabri   d’oro.   Ha scelto   di   annunciare   un   cambiamento   epocale   a   una   ragazza   che   pochissimi   conoscevano,   noi   invece   crediamo   a   chi   ci   più   garanzie   (economiche).   Quella   povera   persona   che   deve   subire   ogni   sorta   di   ingiustizia   non   riteniamo   logico   che   sia un   portatore   di   grazie   e   di   verità   perché   ai   nostri   occhi   non   è   credibile.   Quale   credibilità   avrà   avuto   Maria   Santissima, una   ragazza   di   14   anni,   davanti   all’opinione   pubblica?   I   veri   santi   hanno   santificato   la   Chiesa   con   la   loro   vita,   non sono   stati   chiamati   nella   basilica   di   san   Pietro   ma   nei   posti   più   disparati   dove   c’era   un   basso   tenore   di   vita.   È   importante quello   che   facciamo   nella   nostra   vita   quotidiana.   Quale   buona   azione   offriamo   sull’altare   quando   si   rinnova   il   sacrificio   di Gesù?   Cosa   dimostriamo   di   aver   messo   in   pratica   dall’ultima   volta   che   siamo   entrati   in   chiesa?   È   troppo   facile   pensare   di santificarci   quando   siamo   sempre   fermi   sulle   nostre   posizioni.   Nessuno   è   diventato   santo   per   essere   entrato   in   chiesa una   volta   in   più   degli   altri,   quando   usciamo   abbiamo   lo   stesso   stato   d’animo   e   gli   stessi   difetti,   basta   una   piccola   prova siamo    già    sul    piede    di    guerra.    Non    ci    deve    interessare    che    i    nostri    figli    vadano    in    chiesa,    ma    che    abbiano    le caratteristiche   giuste   per   entrarci,   con   lo   spirito   del   ringraziamento.   Non   ci   si   va   per   disperazione   o   per   ottenere.   Il risultato   che   abbiamo   avuto   nella   nostra   vita   è   un   regalo   di   Dio,   non   è   per   la   nostra   bravura.   Lo   ringraziamo?   Tante persone   pur   avendo   le   capacità   non   hanno   potuto   esprimerle   e   tanti   comportamenti   possono   essere   anche   malattie psicologiche,   traumi,   blocchi,   non   solo   furberia.   Anche   noi   potremmo   essere   al   posto   dei   mendicanti,   facciamo   di   tutto per   non   farci   maledire,   non   umiliamoli,   perché   il   creatore   del   male   può   realizzare   il   loro   desiderio   contro   di   noi.   Abbiamo rimorsi   di   coscienza   per   avere   sparlato   o   per   non   aver   aiutato   qualcuno?   Oppure   pensiamo   di   avere   dei   meriti   soltanto per essere entrati in chiesa?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La nostra condizione cristiana
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Monte Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La   Chiesa   non   è   un   porto   di   mare   dove   ognuno deve   dire   la   sua,   non   è   una   fiera   di   beneficenza   e nemmeno      una      spelonca      di      ladri.      Cosa rappresenta   per   noi?   La   Chiesa   è   la   conoscenza   e la   rivelazione,   attraverso   i   profeti,   della   parola   di Dio,   è   il   centro   di   diffusione   della   verità   rivelata. Facciamo    un    esame    di    coscienza,    dopo    tanti anni    che    la    frequentiamo    cosa    abbiamo imparato?    Non    ci    rimane    in    mente    niente perché    non    ci    interessa,    davanti    alla    prova emerge   sempre   l’uomo   vecchio.   I   giganti   della fede   sono   stati   provati   duramente   al   punto   che avrebbero   preferito   non   nascere,   mentre   noi,   che siamo      nella      comodità      più      sfrenata,      ci lamentiamo.   Quale   premio   pensiamo   di   ricevere? Dobbiamo   sacrificare   il   nostro   orgoglio   e   il   nostro carattere   per   ottenere   la   vita   eterna,   una   gioia immensa   e   infinita   che   possiamo   pregustare   già su    questa    terra    se    accettiamo    le    ingiustizie. Nessuno   può   in   questa   vita   appagare   pienamente i    suoi    desideri    (san    Tommaso)    solo    Dio    può saziare   il   cuore   dell’uomo,   che   è   senza   pace   fin quando     non     riposa     in     Lui     (sant’Agostino). Mettiamo   in   pratica   la   parola   dei   profeti?   Chi   ha saputo    veramente    mettere    al    primo    posto    le verità   principali   e   i   comandamenti?   Quest’epoca ci   deve   preoccupare   perché   è   basata   tutta   sul materialismo   e   sul   relativismo   che   non   hanno nessuna    valenza    davanti    a    Dio.    Dopo    tanto tempo   che   andiamo   in   chiesa   dove   pensiamo   di essere   migliorati   davanti   ai   vizi   capitali,   alle   virtù cardinali   e   alle   beatitudini   evangeliche?   Quando facciamo   le   cose   di   malavoglia   (l’accidia),   per   gli altri   sarebbe   meglio   prendere   uno   schiaffo.   Dov’è l’amore?   S opportare   pazientemente   le   persone moleste   e   perdonare   le   offese   sono   le   rivelazioni indelebili       che       dobbiamo       realizzare       e metabolizzare.    È    questo    che    il    Signore    ha affidato    ai    suoi    profeti,    facciamone    tesoro.    A volte   andiamo   a   rivelare   esperienze   superiori   alle nostre   capacità,   ma   questa   è   vanità.   L’uomo   ha imparato   ciò   che   non   deve   fare,   cioè   a   basarsi sulle   proprie   idee,   mentre   quello   che   è   scritto   sui libri   sacri   non   l’ha   messo   in   pratica.   Cosa   diciamo e   cosa   ricordiamo   della   Bibbia?   Le   nostre   parole sono   state   di   aiuto   ai   nostri   cari   e   gradite   a   Dio? Dobbiamo   andare   in   estasi   quando   un   amico   ci tradisce,   cioè   quando   siamo   davanti   alla   prova, non    quando    andiamo    a    certe    funzioni.    Siamo pronti   ad   accettare   la   peggiore   delle   situazioni?   È allora   che   il   Signore   entra   nella   nostra   vita,   con la   sua   misericordia   e   la   sua   grazia,   rafforza   in   noi il   coraggio   e   la   dignità.   Il   nostro   giorno   fortunato è   quando   sappiamo   metabolizzare   un’offesa.   Il malessere   interiore   che   ci   fa   criticare   non   è la   nostra   integrità   spirituale,   con   un   briciolo di bontà vedremmo tutto con occhio diverso. SIAMO NOI CHE SANTIFICHIAMO LA CHIESA Perché   Dio   è   entrato   nella   tenda   di   Abramo   e   ha dato   la   sua   legge   in   un   ambiente   familiare?   Dove ha   avuto   l’Annunciazione   Maria   di   Nazareth?   Non nel     tempio     tra     i     sacerdoti     davanti     all’Arca dell’alleanza   e   nemmeno   in   mezzo   a   mistificatori o    a    una    moltitudine    di    persone,    ma    in    una semplice   casa.   Da   lì   è   partita   la   nuova   cristianità. E   se   la   nostra   Chiesa   fosse   in   una   casa   familiare? Siamo   noi   che   santifichiamo   la   Chiesa   o   è   la Chiesa    che    santifica    noi?    Che    esempio    l’uomo   ai   propri   figli?   Il   Signore   si   è   rivelato   a Mosè   nel   deserto,   non   nel   tempio   tra   i   candelabri d’oro.   Ha   scelto   di   annunciare   un   cambiamento epocale      a      una      ragazza      che      pochissimi conoscevano,   noi   invece   crediamo   a   chi   ci   dà   più garanzie    (economiche).    Quella    povera    persona che    deve    subire    ogni    sorta    di    ingiustizia    non riteniamo   logico   che   sia   un   portatore   di   grazie   e di   verità   perché   ai   nostri   occhi   non   è   credibile. Quale    credibilità    avrà    avuto    Maria    Santissima, una    ragazza    di    14    anni,    davanti    all’opinione pubblica?    I    veri    santi    hanno    santificato    la Chiesa   con   la   loro   vita,   non   sono   stati   chiamati nella    basilica    di    san    Pietro    ma    nei    posti    più disparati   dove   c’era   un   basso   tenore   di   vita.   È importante   quello   che   facciamo   nella   nostra   vita quotidiana.      Quale      buona      azione      offriamo sull’altare   quando   si   rinnova   il   sacrificio   di   Gesù? Cosa    dimostriamo    di    aver    messo    in    pratica dall’ultima   volta   che   siamo   entrati   in   chiesa?   È troppo facile pensare di santificarci quando siamo sempre   fermi   sulle   nostre   posizioni.   Nessuno   è diventato   santo   per   essere   entrato   in   chiesa   una volta   in   più   degli   altri,   quando   usciamo   abbiamo lo   stesso   stato   d’animo   e   gli   stessi   difetti,   basta una   piccola   prova   siamo   già   sul   piede   di   guerra. Non   ci   deve   interessare   che   i   nostri   figli   vadano in    chiesa,    ma    che    abbiano    le    caratteristiche giuste      per      entrarci,      con      lo      spirito      del ringraziamento.   Non   ci   si   va   per   disperazione   o per   ottenere.   Il   risultato   che   abbiamo   avuto   nella nostra   vita   è   un   regalo   di   Dio,   non   è   per   la   nostra bravura.    Lo    ringraziamo?    Tante    persone    pur avendo   le   capacità   non   hanno   potuto   esprimerle e    tanti    comportamenti    possono    essere    anche malattie   psicologiche,   traumi,   blocchi,   non   solo furberia.   Anche   noi   potremmo   essere   al   posto   dei mendicanti,    facciamo    di    tutto    per    non    farci maledire,   non   umiliamoli,   perché   il   creatore   del male   può   realizzare   il   loro   desiderio   contro   di   noi. Abbiamo   rimorsi   di   coscienza   per   avere   sparlato o     per     non     aver     aiutato     qualcuno?     Oppure pensiamo   di   avere   dei   meriti   soltanto   per   essere entrati in chiesa?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       La nostra condizione cristiana
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono