Monte Misma Maria ausiliatrice
  Nessuno   sa   quanti   messaggi   sono   di   Maria   Santissima   e   quanti   non   lo   sono,   perché   il   male   è   sempre   presente   per confondere   il   vero   messaggio.   Si   è   parlato   di   Lei   soprattutto   negli   ultimi   cinquant'anni,   senza   la   sua   devozione   e   quella dei   Santi,   che   ne   sarebbe   stato   di   noi?   Sono   protezioni   che   non   c’erano   nel   Vecchio   Testamento.   La   parola   di   Dio   non   va gestita   con   una   libertà   totale,   perché   se   uno   parla   in   pubblico   senza   esserne   all’altezza,   il   male   fa   in   fretta   a   cambiare l'obiettivo   e   far   presentare   agli   occhi   dell’ateo   un   Dio   non   giusto.   Perché   crediamo   alla   fede   del   fai-da-te?   Se   non corrispondiamo   alle   caratteristiche   principali   dell'amore   e   della   carità,   a   cosa   serve   tutto   il   resto?   Dobbiamo   pregare   con il   desiderio   di   fare   di   tutto   per   non   far   soffrire   il   nostro   fratello,   di   accettare   ogni   sorta   di   ingiustizia,   non   pensare   di difendere   la   fede   con   la   ragione,   perché   il   male   sa   come   fare   tornare   tutto   a   suo   vantaggio.   Con   la   qualità   giusta   nel cuore   (quelle   delle   litanie   dell'umiltà),   Dio   ci   concede   di   scioglierci   con   lacrime   di   gioia   nel   momento   in   cui   diciamo   una semplice   preghiera,   perché   poi   pregano   con   noi   gli   angeli   e   i   santi.   Tanti   cristiani   dicono:   "Non   faccio   certe   cose   per   il Signore,   se   non   fosse   per   Lui   mi   comporterei   diversamente   ",   così   hanno   già   commesso   peccato   nel   desiderio, condannano   la   loro   anima,   non   il   Signore.   Tutto   quello   che   pensiamo   di   aver   rinunciato   va   a   nostro   vantaggio.   Prima   di parlare   in   nome   di   Dio   pensiamoci   bene,   siamo   quelli   che   si   aspetta   da   noi?   Che   cosa   ti   chiede   il   Signore   tuo   Dio,   se   non che   tu   l'ami   e   serva   con   tutto   il   cuore   e   con   tutta   l'anima"?   (Dt   10,12)   Perché   intendiamo   il   contrario?   Il   Signore   non vuole   che   lo   serviamo   con   la   bocca.   Amiamo   noi   stessi   con   tutto   il   cuore   e   con   tutta   l'anima   e   fin   quando   non raggiungiamo   il   nostro   obiettivo   siamo   pronti   a   tutto.   Così   si   infrange   il   primo   comandamento.   Questo   non   vuol   dire   che non   dobbiamo   pregare,   perché   chi   lo   intende   è   meglio   che   taccia,   è   un   falso.   Vediamo   giorno   dopo   giorno   che   la   ferocia dell'uomo    sta    raggiungendo    livelli    mai    raggiunti,    questo    ci    fa    capire    l'esperienza    che    stiamo    vivendo.    Trascinati dall'abitudine,   ci   illudono   con   dei   falsi   valori   e   chi   parla   d'amore   viene   coinvolto   da   una   negatività,   come   in   una demoniaca   trama:   persino   un   bambino   appena   nato   è   già   arrabbiato   per   quello   che   gli   trasmettiamo.   Il   male   sta portando   a   decristianizzare   il   popolo   in   nome   della   preghiera,   dove   nessuno   concede   dimostrazioni   d'amore.   Se   siamo superficiali   veniamo   contagiati   prima   ancora   di   iniziare,   è   come   un   cane   che   ci   aggredisce   perché   sente   che   abbiamo paura.   San   Pietro   ci   avverte:   “Pascete   il   gregge   che   vi   è   affidato,   sorvegliandolo   non   per   forza   ma   volentieri,   secondo Dio,   non   per   vile   interesse   ma   di   buon   animo”.   Il   male   sceglie   anche   persone   a   nome   del   Signore,   stiamo   attenti!   Il gregge   di   Dio   non   deve   essere   agitato,   ma   tenuto   tranquillo   e   sereno.   La   soddisfazione   di   coinvolgere   una   persona   nei nostri   ragionamenti   è   un   vile   interesse;   per   lo   stesso   motivo,   il   responsabile   di   un   gruppo   vuole   avere   delle   persone intorno   a   sé   e   le   agita   a   non   andare   da   altri.   E’   delirio   spirituale.   Se   educhiamo   l'uomo   a   parlare   di   catastrofi   non   potrà mai   avere   il   cuore   gioioso,   ma   un   animo   angosciato   e   triste,   che   offusca   le   meraviglie   del   creato.   Quale   spazio troveranno   la   speranza   e   la   fede?   Siamo   i   figli   della   vittoria,   ma   preghiamo   come   dei   disperati      perché   non   abbiamo saputo   accogliere   la   richiesta   che   ha   fatto   Gesù   dalla   croce.   Noi   andiamo   alla   ricerca   di   strumenti   del   Signore   che convincono   e   attirano   le   folle,   ma   sono   autentici?   Se   lo   fossero   Dio   sarebbe   stato   molto   ingiusto   con   i   suoi   profeti. Geremia   (c.20,7-9)   voleva   sottrarsi   dal   suo   ingrato   compito:   "   Sono   diventato   oggetto   di   derisione   ogni   giorno;   ognuno si   fa   beffe   di   me.   Quando   parlo   devo   gridare:   “Violenza!   Oppressione!”.   Così   la   parola   del   Signore   è   diventata   per   me causa   di   vergogna   e   di   scherno   tutto   il   giorno".   Ne   sa   qualcosa   anche   Roberto   Longhi…Non   è   mai   stato   gradevole   e accomodante   il   vero   profeta,   perché   obbligato   a   rivelare   la   verità:   “nel   mio   cuore   c'era   come   un   fuoco   ardente,   chiuso nelle   mie   ossa;   mi   sforzavo   di   contenerlo,   ma   non   potevo."   I   veri   strumenti   di   Dio   hanno   dei   difetti,   perciò   sono giustificati,   ma   hanno   anche   delle   qualità   per   svolgere   il   loro   compito,   perciò   sono   glorificati.   Sono   persone   semplici   che hanno   scritto   la   storia   della   Chiesa,   che   non   avevano   il   falso   pudore   o   l'ipocrisia,   né   un   alto   livello   di   istruzione.   Oltre   alla parola   di   Dio   non   aggiungevano   altro.   Il   Regista   Celeste   conferma   quello   che   ha   scritto,   ma   il   regista   demoniaco   non   lo conosciamo,   è   quello   che   ci   ha   portato   a   vivere   la   situazione   attuale.   Non   è   che   qualcuno   si   sta   facendo   beffe   di   noi?   Non lasciamoci   catturare   dalle   belle   frasi   che   non   servono   a   niente,   le   usano   coloro   che   sostengono   il   meschino,   che   si ricordano   della   parola   di   Dio   solo   quando   è   a   loro   vantaggio.   Invece   l'uomo   puro   e   integro,   viene   preso   come   un prepotente   che   spadroneggia.   Siamo   solidali   con   chi   è   vigliacco   e   non   con   chi   subisce.   E’   questa   la   scaltrezza   spirituale? Quante   volte   abbiamo   sostenuto   chi   ha   fatto   un'ingiustizia   e   non   chi   l’ha   ricevuta?   Tutte   le   epoche   sono   piene   di   questi inganni.   Chi   sostiene   la   voce   di   Barabba   sostiene   la   voce   del   popolo,   di   coloro   che   promettono   mari   e   monti   con   una semplice preghiera. Ha rivelato questo Gesù?       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Trame sovversive
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi dell Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
mismabg@libero.it
stampa la pagina
Monte Misma -  Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Nessuno    sa    quanti    messaggi    sono    di    Maria Santissima   e   quanti   non   lo   sono,   perché   il   male   è sempre     presente     per     confondere     il     vero messaggio.   Si   è   parlato   di   Lei   soprattutto   negli ultimi   cinquant'anni,   senza   la   sua   devozione   e quella   dei   Santi,   che   ne   sarebbe   stato   di   noi? Sono    protezioni    che    non    c’erano    nel    Vecchio Testamento.   La   parola   di   Dio   non   va   gestita   con una    libertà    totale,    perché    se    uno    parla    in pubblico   senza   esserne   all’altezza,   il   male   fa   in fretta   a   cambiare   l'obiettivo   e   far   presentare   agli occhi     dell’ateo     un     Dio     non     giusto.     Perché crediamo     alla     fede     del     fai-da-te?     Se     non corrispondiamo     alle     caratteristiche     principali dell'amore   e   della   carità,   a   cosa   serve   tutto   il resto?   Dobbiamo   pregare   con   il   desiderio   di   fare di   tutto   per   non   far   soffrire   il   nostro   fratello,   di accettare   ogni   sorta   di   ingiustizia,   non   pensare   di difendere   la   fede   con   la   ragione,   perché   il   male sa   come   fare   tornare   tutto   a   suo   vantaggio.   Con la   qualità   giusta   nel   cuore   (quelle   delle   litanie dell'umiltà),    Dio    ci    concede    di    scioglierci    con lacrime   di   gioia   nel   momento   in   cui   diciamo   una semplice   preghiera,   perché   poi   pregano   con   noi gli   angeli   e   i   santi.   Tanti   cristiani   dicono:   "Non faccio   certe   cose   per   il   Signore,   se   non   fosse   per Lui   mi   comporterei   diversamente   ",   così   hanno già   commesso   peccato   nel   desiderio,   condannano la   loro   anima,   non   il   Signore.   Tutto   quello   che pensiamo     di     aver     rinunciato     va     a     nostro vantaggio.    Prima    di    parlare    in    nome    di    Dio pensiamoci   bene,   siamo   quelli   che   si   aspetta   da noi?   Che   cosa   ti   chiede   il   Signore   tuo   Dio,   se   non che   tu   l'ami   e   serva   con   tutto   il   cuore   e   con   tutta l'anima"?     (Dt     10,12)     Perché     intendiamo     il contrario?   Il   Signore   non   vuole   che   lo   serviamo con    la    bocca.    Amiamo    noi    stessi    con    tutto    il cuore    e    con    tutta    l'anima    e    fin    quando    non raggiungiamo   il   nostro   obiettivo   siamo   pronti   a tutto.   Così   si   infrange   il   primo   comandamento. Questo   non   vuol   dire   che   non   dobbiamo   pregare, perché   chi   lo   intende   è   meglio   che   taccia,   è   un falso.   Vediamo   giorno   dopo   giorno   che   la   ferocia dell'uomo   sta   raggiungendo   livelli   mai   raggiunti, questo    ci    fa    capire    l'esperienza    che    stiamo vivendo.   Trascinati   dall'abitudine,   ci   illudono   con dei   falsi   valori   e   chi   parla   d'amore   viene   coinvolto da    una    negatività,    come    in    una    demoniaca trama:   persino   un   bambino   appena   nato   è   già arrabbiato    per    quello    che    gli    trasmettiamo.    Il male   sta   portando   a   decristianizzare   il   popolo   in nome    della    preghiera,    dove    nessuno    concede dimostrazioni    d'amore.    Se    siamo    superficiali veniamo   contagiati   prima   ancora   di   iniziare,   è come   un   cane   che   ci   aggredisce   perché   sente   che abbiamo   paura.   San   Pietro   ci   avverte:   “Pascete   il gregge   che   vi   è   affidato,   sorvegliandolo   non   per forza   ma   volentieri,   secondo   Dio,   non   per   vile interesse    ma    di    buon    animo”.    Il    male    sceglie anche    persone    a    nome    del    Signore,    stiamo attenti!   Il   gregge   di   Dio   non   deve   essere   agitato, ma   tenuto   tranquillo   e   sereno.   La   soddisfazione di      coinvolgere      una      persona      nei      nostri ragionamenti   è   un   vile   interesse;   per   lo   stesso motivo,   il   responsabile   di   un   gruppo   vuole   avere delle    persone    intorno    a    sé    e    le    agita    a    non andare     da     altri.     E’     delirio     spirituale.     Se educhiamo    l'uomo    a    parlare    di    catastrofi    non potrà   mai   avere   il   cuore   gioioso,   ma   un   animo angosciato   e   triste,   che   offusca   le   meraviglie   del creato.   Quale   spazio   troveranno   la   speranza   e   la fede?   Siamo   i   figli   della   vittoria,   ma   preghiamo come   dei   disperati      perché   non   abbiamo   saputo accogliere   la   richiesta   che   ha   fatto   Gesù   dalla croce.   Noi   andiamo   alla   ricerca   di   strumenti   del Signore   che   convincono   e   attirano   le   folle,   ma sono   autentici?   Se   lo   fossero   Dio   sarebbe   stato molto    ingiusto    con    i    suoi    profeti.    Geremia (c.20,7-9)     voleva     sottrarsi     dal     suo     ingrato compito:   "   Sono   diventato   oggetto   di   derisione ogni   giorno;   ognuno   si   fa   beffe   di   me.   Quando parlo    devo    gridare:    “Violenza!    Oppressione!”. Così   la   parola   del   Signore   è   diventata   per   me causa   di   vergogna   e   di   scherno   tutto   il   giorno". Ne   sa   qualcosa   anche   Roberto   Longhi…Non   è   mai stato   gradevole   e   accomodante   il   vero   profeta, perché   obbligato   a   rivelare   la   verità:   “nel   mio cuore   c'era   come   un   fuoco   ardente,   chiuso   nelle mie    ossa;    mi    sforzavo    di    contenerlo,    ma    non potevo."   I   veri   strumenti   di   Dio   hanno   dei   difetti, perciò   sono   giustificati,   ma   hanno   anche   delle qualità   per   svolgere   il   loro   compito,   perciò   sono glorificati.    Sono    persone    semplici    che    hanno scritto   la   storia   della   Chiesa,   che   non   avevano   il falso   pudore   o   l'ipocrisia,   né   un   alto   livello   di istruzione.     Oltre     alla     parola     di     Dio     non aggiungevano   altro.   Il   Regista   Celeste   conferma quello   che   ha   scritto,   ma   il   regista   demoniaco non   lo   conosciamo,   è   quello   che   ci   ha   portato   a vivere   la   situazione   attuale.   Non   è   che   qualcuno si    sta    facendo    beffe    di    noi?    Non    lasciamoci catturare    dalle    belle    frasi    che    non    servono    a niente,     le     usano     coloro     che     sostengono     il meschino,   che   si   ricordano   della   parola   di   Dio solo   quando   è   a   loro   vantaggio.   Invece   l'uomo puro   e   integro,   viene   preso   come   un   prepotente che    spadroneggia.    Siamo    solidali    con    chi    è vigliacco    e    non    con    chi    subisce.    E’    questa    la scaltrezza     spirituale?     Quante     volte     abbiamo sostenuto   chi   ha   fatto   un'ingiustizia   e   non   chi   l’ha ricevuta?   Tutte   le   epoche   sono   piene   di   questi inganni.   Chi   sostiene   la   voce   di   Barabba   sostiene la    voce    del    popolo,    di    coloro    che    promettono mari   e   monti   con   una   semplice   preghiera.   Ha rivelato questo Gesù?      

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile